I cavoli di Bruxelles sono ortaggi a ciclo lungo e crescita lenta, appartenenti alla famiglia delle Brassicaceae. I cavoli di Bruxelles possono essere coltivati su una grande varietà di terreni, anche se i più adatti sono i terreni argilloso-calcarei e limo-calcarei. Su terreni più leggeri può essere necessaria l’irrigazione.

Condizioni di coltivazione
Terreno: ben drenato, ricco di sostanza organica e a pH neutro
Tipo di terreno: terreno fertile, sabbia o argilla
Stagione: tarda estate, autunno e inverno (per la coltivazione invernale utilizzare le speciali varietà invernali)
Umidità: livello idrico medio
 
Manutenzione
Eseguire la pacciamatura per proteggere le radici, ridurre la competizione delle piante infestanti e mantenere l’umidità. L’utilizzo di coperture mobili dei filari contribuisce a proteggere dall’infestazione precoce da insetti. Per stimolare lo sviluppo dei germogli si può eseguire la cimatura delle piante. Tale operazione va effettuata quando le piante sono completamente sviluppate (4-9 settimane prima della raccolta).
 
Raccolta e stoccaggio
La raccolta a mano rappresenta il metodo di raccolta tradizionale dei cavoli di Bruxelles, tuttavia si possono avere buoni risultati anche con raccolta meccanica.
 
Prevenzione dai parassiti e dalle malattie
Praticare rotazioni colturali di sei anni tra tutte le specie di Brassica. Mantenere un pH superiore a 7,5 per controllare l’ernia delle crucifere. Favorire l’attività degli insetti benefici per il controllo degli afidi.

Calendario di Maturazione

  • Trapianto

Nord

Pieno campo

    Pieno campo

    Sud

    Pieno campo

      Pieno campo

      Centro Est

      Pieno campo

        Pieno campo

        Centro Ovest

        Pieno campo

          Pieno campo

          Sicilia

          Pieno campo

            Pieno campo

            Fucino

            Pieno campo

              Pieno campo

              Sardegna

              Pieno campo

                Pieno campo